Nuova foto CV

Roma,

Giovedì, 5 Agosto 2021

Daily post 14

All’inizio della mia carriera professionale, l’ostacolo più grande che ho incontrato e voluto superare, è stato, quello di bilanciare la mia vita personale con quella professionale.

Per me è stata una delle prove più difficili da superare! É stato estremamente difficile, e sono grata a quelle persone che con la loro pazienza e costanza nello starmi vicine, mostrandomi opzioni alternative, hanno fatto si che io ora, in questo momento, potessi condividere con te questo mio fondamentale traguardo.

…e così oggi ho scattato la foto per il mio curriculum aggiornato.

Tu quanto tempo è che non lo aggiorni? ONEST*

Quello che ho scoperto è che scrivere, avere davanti agli occhi la nostra vita professionale, ci fa capire come effettivamente sia cambiata (più o meno in parallelo), la nostra vita privata.

Per me (ed è per questo che è nato thinka.it) la sfida più grande, è equilibrare la mia vita privata con quella professionale, perché da sempre l’una ha prevaricato sull’altra.

Ora invece ciò che voglio, e che condividerò con te, parlando prima di tutto a me stessa, è arrivare a vivere nell’equilibrio delle parti e mantenerlo, e soprattutto INSEGNARLO a chi vorrà apprenderlo.

Ti abbraccio forte,
lettore/lettrice di questo mio post,
Marzia.

ISCRIVITI

Leggi tutte le newsletter

    [eltdf_section_title position=”right” title_tag=”h6″ disable_break_words=”no” title=”Ascolta il PODcast” button_text=”Vai al POD” button_hover_color=”#ee0000″]

    Consolida subito le tue nuove abitudini

    Roma, 28 Luglio 2021

    Daily post 6

    Ogni volta che vuoi inserire una nuova buona abitudine, sappi che è perfettamente in tuo potere farlo. E ora ti darò il mio metodo, per mantenere fin da subito e in maniera quotidiana quella che è la tua nuova abitudine. Quello che devi fare è creare una correlazione tra la nuova abitudine e un’azione ricorsiva che è già consolidata e renderle interdipendenti. In questo modo avrai fin da subito la certezza di fare il parallelo il nuovo e il pre-esistente in maniera armonica e senza alterare la tua routine. In questo modo porterai a termine e senza sforzo la tua nuova abitudine e rafforzerai la tua autostima e fiducia personale.

    Certo adesso è molto facile decidere di fare una cosa nuova, e avere la certezza matematica che sono perfettamente in grado di introdurre una nuova, positiva ed edificante abitudine nella mia vita, ma ti garantisco che non è sempre stato così. Anzi, tutt’altro!

    Adesso ho trovato un mio equilibrio, e non avverto la necessità di modificare ciò che faccio nel quotidiano; ma all’inizio quando cercavo disperatamente un mio modo, la realtà era molto diversa. Arrancavo, sapevo che volevo fare determinate cose, ma non riuscivo a concatenarle fra di loro. E soprattutto sentivo, che tutte quelle cose, che in quel momento mi sembravano immense e così slegate tra di loro, e che avevo enorme difficoltà a portare avanti in maniera costante, erano esattamente quello di cui avevo bisogno nella mia vita. E soprattutto non nella mia vita attuale, ma nella vita che sognavo e che sentivo di voler concretizzare da lì a breve, e che era a portata di mano.

    In fondo il mio percorso di consapevolezza e selezione, era cominciato già da un po’ di tempo, dunque in quel momento sentivo tutta la smania di voler stringere in mano e misurare i risultati ottenuti; ma c’erano ancora degli ultimi step da fare. Primo fra tutti, consolidare efficacemente la mia nuova routine. Così una mattina mentre mi preparavo, facendo la mia doccia, truccandomi, vestendomi e bevendo il mio infuso mattutino ho pensato che se avessi creato dei gruppi di abitudini, invece che abitudini singole, allora mi sarei semplificata enormemente la vita, e avrei ottenuto di più dai gesti più semplici.

    Piccoli gesti + costanza = grandi risultai

    Ciao,
    Marzia.

    ISCRIVITI

    Leggi tutte le newsletter

      [eltdf_section_title position=”right” title_tag=”h6″ disable_break_words=”no” title=”Ascolta il PODcast” button_text=”Vai al POD” button_hover_color=”#ee0000″]

      Che dici ti metti a lavorare?!

      Roma, 27 Luglio 2021

      Daily post 5

      Il discorso è davvero molto semplice: puoi fare tutti i programmi del mondo, puoi creare una macchina perfetta che analizzi e registri ogni progresso ogni sbavatura nel tuo grande progetto, ma se in questo momento stai facendo qualsiasi altra cosa che non sia agire concretamente, io ti chiedo: “Cosa stai aspettando?!”

      Ho scoperto che a Torino sono soliti usare più il ciao che non il salve, o arrivederci e la cosa mi è piaciuta talmente tanto, che ho deciso di chiudere tutte le lettere che quotidianamente ti scrivo, con un semplice “Ciao, Marzia.”

      Ti dico questo semplicemente perché quello che devi fare ogni giorno, ogni singolo istante di ogni singolo giorno, e prendere ciò che ti circonda e metterlo dentro quello che è il tuo progetto. Solo allora, solo in quel momento avrai raggiunto il vero senso che è quello di agire in maniera organica con quello che vuoi realizzare.

      Quando ti prendi una pausa meritata (mi raccomando, niente pigrizie che a noi di Thinka non ci piacciono proprio!), anche in quel momento in realtà ti stai occupando del tuo progetto:

      • PENSA
      • PIANIFICA
      • REALIZZA
      • MANTIENI le promesse fatte soprattutto a te
      • SCALA se vuoi, quello che hai costruito

      p.s. questi ultimi punti vengono da una riflessione che ho fatto ieri sera mentre scrivevo il mio diario della gratitudine.

      Ciao,
      Marzia.

      ISCRIVITI

      Leggi tutte le newsletter

        [eltdf_section_title position=”right” title_tag=”h6″ disable_break_words=”no” title=”Ascolta il PODcast” button_text=”Vai al POD” button_hover_color=”#ee0000″]