CORPO & MENTE

Nell’arte della guerra trovi le risposte che stavi cercando

Leggendolo ti rendi immediatamente conto di quanto sia attuale e potente nel suo essere quasi in grado di rispondere esattamente alle domande più importanti che possono riempire la tua mente. Come se le risposte e il significato emergesse direttamente da chi lo legge e non dal “Maestro Sun” che lo ha scritto.

7 Novembre 2022

CORPO & MENTE

L’arte della guerra di Sun Tzu: un testo adattivo

La grande forza de L’arte della guerra di Sun Tzu, il suo shi, sta nell’essere (con mia enorme sorpresa) un testo adattivo.

Come se il significato stesso di quello che è scritto in questo antico testo, che risale nella sua forma finale al IV secolo a.C., avesse la sorprendente capacità di mutare in funzione della persona che lo legge. Sembra quasi essere in grado di fornirci le giuste risposte o meglio la giusta strategia, per affrontare al meglio qualsiasi circostanza ci si possa presentare, come se conoscesse già in che particolare momento della nostra vita ci troviamo.

Come in tante altre occasioni, anche questo è per me un libro legato ad un viaggio. L’ho comprato nella libreria Giunti all’interno della stazione di Genova “Piazza Principe” e sembrava quasi essere lì ad aspettarmi. Così dopo anni che volevo leggerlo, la bellezza di questa edizione Giunti mi ha assolutamente conquistata e sono finita con il leggerlo tutto d’un fiato sul treno che che mi riportava a casa da Genova a Torino.

Non amo molto fare troppe ricerche propedeutiche alla lettura di un nuovo libro, così mi ci approccio in maniera neutrale e imparziale, dunque sono rimasta sorpresa della struttura “ad elenco” dei tredici capitoli che compongono L’arte della guerra di Sun Tzu.

Tredici capitoli che fungono da sapiente bussola aforistica, utile per orientarci quando ci troviamo ad affrontare delle sfide. E dico sfide perché la guerra per il lettore moderno significa questo: sfide, avversità, abbandono delle zone di comfort, crescita, evoluzione e tutto quanto possa rappresentare per noi una conquista o una vittoria.

E soprattutto riportare l’attenzione all’interno di noi stessi, come quando il Maestro Sun ci dice:

L’arte della guerra non è confidare che l’altro non arrivi ma contare sul fatto che sarò ad aspettarlo; non è confidare che l’altro non attacchi ma contare sul fatto che io sia inattaccabile.

Conosci l’altro…

In questa meravigliosa edizione Giunti de L’arte della guerra di Sun Tzu, troviamo che alcuni termini sono stati mantenuti volontariamente nella loro lingua originale. Quelli più significativi sono:

Shi – potenza

Dao – via, strada da seguire

Qi – forza vitale

Personalmente valuto positivamente questa scelta, perché in maniera emblematica ci consente di leggere/tradurre al meglio per la nostra comprensione, quello che “il Maestro Sun” ci tramanda.

Ed è questo un punto cruciale in termini di strategia: la conoscenza profonda, che è il primo vero terreno di scontro su cui dobbiamo vincere prima anche solo di pensare di cercare la vittoria nel senso stretto del termine.

Perciò si dice: se conosci l’altro e conosci te stesso, vincerai cento battaglie; se non conosci l’altro ma conosci te stesso, una volta vincerai e un’altra sarai sconfitto; se non conosci l’altro e non conosci te stesso, ogni battaglia sarà una sconfitta certa. 

Come l’acqua regola il suo flusso in base al terreno l’esercito deve determinare la vittoria basandosi sull’avversario.

…conosci te stesso.

Conoscere profondamente la realtà, l’avversario che andremo ad affrontare è solo una parte della nostra preparazione. Quella forse più complessa e sottovalutata è invece quella che riguarda la conoscenza di noi stessi. Solo conoscendo sia l’esterno che l’interno avremo tutto ciò di cui abbiamo bisogno per conquistare tutto quello, verso il quale rivolgiamo le nostre mire.

Pertanto vincere 100 battaglie su 100 non è il massimo della destrezza, il massimo della destrezza è una guerra in cui si sottomette il nemico senza combattere.

La guerra è la via dell’inganno.

Perciò, se sei capace, mostrati incapace.se sei pronto alla guerra, fatti vedere impreparato.

Se sei vicino, dai mostra d’essere lontano; se sei lontano, fai sembrare di essere vicino.

…vince chi attende previdentemente l’imprevisto…

Considerando ciò come il nostro Dao, ovvero la via da seguire, ci sentiremo sempre sicuri di poter usare le debolezze dell’altro e i nostri reali punti di forza al fine di avere quella “vittoria” che prima sembrava lontana.

Gli abili guerrieri dell’antichità agivano innanzitutto in modo da non poter essere vinti e attendevano che il nemico potesse essere sconfitto.

L’arte della guerra spiega la resilienza

Essere resilienti, esplorare e quindi adattare i nostri reali punti di forza in funzione delle circostanze, è questa la vera forza che dobbiamo e possiamo coltivare in noi stessi.

Chi è in grado di ottenere la vittoria adattandosi alla mutevolezza del nemico può essere definito un Dio.

Avere sempre la fiducia nella vittoria che possiamo ottenere mostrando il coraggio di esplorare il nuovo…

Pertanto non ripeterti in caso di vittoria ma piuttosto adatta le tue formazioni all’infinità delle circostanze.

…consapevoli ancora una volta di quando siamo forti e quindi capaci di fronteggiare le nuove sfide; rispetto a quando dobbiamo invece raccogliere le nostre forze rimandando l’attacco. Dunque impariamo l’arte della pazienza, dell’attesa e del silenzio.

In guerra, dunque la potenza non è costante così come nell’acqua non è costante la forma. 

Maestri di noi stessi per guidare l’esercito della nostra community

Il Maestro Sun disse”, con questa frase si aprono tutti e tredici i capitoli di questa pietra miliare. Un filo rosso, nemmeno così sottile, unisce la saggezza che abbiamo tra le mani quando leggiamo L’arte della guerra di Sun Tzu alla nostro spirito guerriero: trova la vittoria prima in te stess*, nella tua mente.

Solo iniziando da noi stessi, essendo la prima vera nostra guida possiamo poi pensare di guidare altri a seguirci. 

Forse per deformazione professionale la mia mente è naturalmente rivolta ai social network.

Solo chi ha davvero una sua consistenza, Shi, Dao e Qui molto forti oggi riesce ad attrarre il favore di molti, concretizzando quella che è una vera e propria community per usare un termine decisamente attuale. Community è il nostro esercito moderno dove a migliaia seguono gli input di un singolo. Questo significa essere una guida per gli altri e questa stessa responsabilità sociale e collettiva ci spinge a seguire i migliori dei precetti e una vita retta per poter essere poi da esempio per gli altri.

Con ordine affronta il disordine, con calma affronta il clamore. Così governa lo spirito.

Questo perché:

l’arte della guerra non è confidare che l’altro non arrivi ma contare sul fatto che sarò ad aspettarlo; non è confidare che l’altro non attacchi ma contare sul fatto che io sia inattaccabile.”

Di norma, i principi da osservare quando si invade prevedono che: più ci si addentra più ci si concentra sull’obiettivo, meno ci s’addentra più ci si disperde.

Per questa ragione, non si batte per allearsi con il resto del mondo, non alimenta il potere del resto del mondo, ma sfida a se stesso e tiene il nemico sotto scacco. Così riesce a espugnare le città fortificate e arrovesciar nello Stato.

Questo viene detto “riuscire con ingegno e abilità”.

La vittoria è figlia dalla strategia e dell’introspezione

Se si accorda ai tuoi interessi, agisci; se va contro il tuo interesse fermati.

La strategia è il mondo (volendo citare Felicità in questo mondo) da tutto ha inizio e tutto si genera.

Partire anzitutto da quello che vogliamo ottenere per poi agire, o meno, in funzione della conquista finale. Nella sua banalità logica è esattamente la chiave di volta per garantirci il successo.

Strategia e introspezione sono le lezioni che sento più affini e che chiaramente ci vengono trasmesse in L’arte della guerra di Sun Tzu. E ritengo che siano il reale motivo per cui questo libro, ripeto risalente al IV secolo a.C., è stato preso come modello di riferimento così a lungo.

Il lettore contemporaneo infatti vive l’argomento della guerra come un pretesto per affrontare tematiche più profonde e attuali in termini umani e personali.

Pertanto, la ragione per cui un sovrano illuminato e un buon comandante vincono sempre ogni qualvolta decidano di agire, distinguendosi dalla maggioranza grazie loro successi, risiede nella capacità di fare previsioni.

Altro spunto riflessivo connesso alla conoscenza profonda, e ancora all’introspezione è il concetto di economia, intesa sia come risparmio che come costo materiale ed emotivo connesso ad una vittoria indipendentemente da quale questa sia o la si intenda.

In conclusione la vera vittoria è quella che lo stratega raggiunge avendo già contezza di averla ottenuta, solo così si avrà una significativa economia che ancora una volta porta la mia mente ad altri concetti, in questo caso: alla regola dell’80-20.

Info bibliografiche 

 

 

 

 

Titolo originale: Sunzi bingfa

Titolo: L’arte della guerra

Autore: Sun Tzu

La mia edizione: Prima edizione: Ottobre 2021

Editore italiano: Giunti

Genere: Trattato

Numero di pagine: 93